venerdì 8 marzo 2013

SONO. SIETE. SIAMO.




Siamo semplici. E complicate. E testarde. E lunatiche. Ma mai banali, desiderose di far sentire la nostra voce, che sia per avere l'ultima parola o per metterci a nudo in tutta la nostra fragilità.
Erotiche e sensuali, con l'intramontabile tubino nero o con i jeans di sempre. Ancor di più quando ci lasciamo vestire da un profumo: il nostro.
Idealiste, sognatrici. Eleganti quando inconsapevolmente ci passiamo una mano tra i capelli o sbattiamo le ciglia al ritmo dei nostri pensieri. E dei nostri desideri.
Emozionali ed emozionanti, in ogni centimetro di pelle. Dedite a quei sentimenti che arrivano fino a lì, dritti al cuore. Senza compromessi, senza inibizioni. 
Coraggiose, quando decidiamo di dar forma alle nostre ambizioni. Tenaci, quando ci accorgiamo che potrebbe valerne la pena.
Improbabili cantanti; sotto la doccia, in macchina, con la radio a palla e lo sguardo che sa di libertà. Ma anche ballerine, tra il divano e il letto, tra la banale volontà di rimanere composte e l'inconfessabile desiderio di lasciarci andare.
Coscienziose, quando ci rendiamo conto che la parità dei sessi non si riduce ad un mazzo di fiori o ad un gesto galante. Intramontabili romantiche se quegli stessi gesti riusciamo ancora ad apprezzarli.
Frivole, nel nostro essere più profondo. Frivole quando sapientemente applichiamo tre passate di mascara, frivole quando non ci prendiamo troppo sul serio, frivole quando diciamo di "sì" all'ennesimo paio di scarpe. E forse anche quando quel "sì" lo diciamo ad un uomo, perché solo noi sappiamo perdonare l'imperdonabile.
Guerriere per natura, combattive sempre. Per un'idea, per un sentimento, per l'ardente volontà di dimostrare che non siamo il sesso debole. E per la nostra dignità, che è forse l'unica cosa che non lasceremmo mai calpestare nemmeno da un paio di Louboutin.
Nostalgiche, spesso in grado di rifugiarci tra i ricordi del passato o di leggere lettere che per troppo tempo sono state lasciate in un cassetto. E così vere che ancora una volta ci emozioniamo, per quella frase scritta nel modo giusto o per qualcosa che non ci appartiene più.
Solidali, alla faccia di chi dice che l'amicizia tra donne non esiste. Perché la verità è che quando siamo unite diventiamo una vera forza della natura. Raggiungiamo quel livello di complicità che si traduce in sguardi complici e in silenzi eloquenti, in abbracci carichi di affetto e in sorrisi rassicuranti. Ma questo privilegio è riservato a poche fortunate.





Siamo madri, mogli, fidanzate, amanti, sorelle, figlie, amiche, ragazze della porta accanto.
E quando cantiamo con la nostra invidiabile leggerezza "oltre le gambe c'è di più", dobbiamo imparare a crederci fino in fondo. Perché noi siamo questo e molto altro.


15 commenti:

  1. Quanto è vero! Auguri a tutte le donne!
    Fabiola

    wildflowergirl

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Auguri anche te Fabiola (in ritardo, perdonami ahahah)

      Elimina
  2. un post perfetto per questa giornata!!

    RispondiElimina
  3. post meraviglioso!auguri a noi donne!

    RispondiElimina
  4. Un post davvero bellissimo e giustissimo!
    Grazie per essere passata da me!
    Baci baci C.!
    http://fashionismyonlygod.blogspot.it/

    RispondiElimina
  5. Great blog, so I'm a new follower =)

    RispondiElimina
  6. Risposte
    1. Anche te, in super ritardo ovviamente! ahahah un bacio =)

      Elimina
  7. credo che anche concentrandosi non potevi scriverci e dedicarci un post più bello e più vero, noi siamo così siamo altro, siamo complici, siamo come tu stessa hai detto al tempo stesso semplici e complicate, ma sopratutto siamo una vera forza della natura! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Antonella le tue parole mi fanno sempre emozionare, davvero. Sei troppo carina nei miei confronti, mi riempi di complimenti che non merito! Ti mando un abbraccio <3

      Elimina