lunedì 15 ottobre 2012

GIURO CHE A PARIGI CI TORNO.

Quell'infinità di luci che irradiano ogni angolo della città dall'alto di una torre maestosa nella sua lineare eleganza. Ferro e gradini che si fondono in un amplesso tanto possente quanto armonico di suggestive forme. E gli occhi che per un attimo ritornano al candore dell'età dell'innocenza e dello stupore, esattamente nel momento in cui incontrano la potenza visionaria di quel tesoro dell'età moderna che almeno una volta nella vita va ammirato. 


Il quartiere latino e il suo piacevole frastuono di voci, risate, gioia, spensieratezza. I suoi ristoranti, le loro specialità: un microcosmo che si snoda seguendo le precise traiettorie di vie in cui immergersi è un attimo. Il mondo racchiuso lì, a portata di mano. La Senna e il suo percorso nobile e pacato; ed ecco che si annulla qualsiasi suono, qualsiasi contatto con il mondo. Passo dopo passo. Tu, il fiume, i tuoi pensieri che vagano là dove la forza dell'immaginazione non aveva mai pensato di poter arrivare, lo sguardo che si perde nella suggestività di un paesaggio unico nel suo genere. Il Louvre, il centro Pompidou e l'inafferrabile ed eterea energia delle loro opere che, tra passato e futuro, offrono uno spettacolo di Storia e Arte. L'abilità dell'Uomo, la sua sensibilità e la sua capacità di catturare l'esterno in veri e propri tesori da custodire. Ma spesso in una città così, perdersi nei meandri di un museo è quasi superfluo. Allora che siano la testa e il cuore a vagare liberi: fuori. Tra gli eleganti marciapiedi degli Champs-E'lysèes, scrutando la fine del viale dove si erge nel suo splendore l'arco di trionfo. Luci, odori, sensazioni difficili da dimenticare. L'immensa scalinata che con immensa regalità ti accompagna dolcemente verso la culla dell'estro, dove ogni linea è volto, paesaggio, ricordo. Montmartre con i suoi custodi della pittura, con i suoi disegni e quel fare smarrito di turisti che si lasciano guidare dalla delicata gestualità di chi vive per raccontare su una tela la sua prospettiva del mondo. 







Tanto banale quanto essenziale, non potrà mancare una dolce sosta da Ladurèe. Perchè ammettiamolo, due macarons che si vanno ad amalgamare con quell'atmosfera idilliaca che solo lì si respira, hanno tutto un altro sapore. Il delicato risveglio mattutino, tra l'aria frizzantina di una città che non dorme mai e lo sfizioso odore di quel pane appena sfornato frutto del lavoro di chi ci sa fare. Le parigine, il loro nasino all'insù e quella gestualità tanto delicata quanto sensuale di chi ha fatto dell'elegante sobrietà il suo marchio di fabbrica. Un incanto. Un incanto loro e quell'erre moscia capace di incarnare il tracotante fascino che difficilmente riesce ad essere racchiuso entro i limiti di un corpo. Il sole che crea punti luce impercettibili e comprensibili solo dal cuore, il cuore di chi lì l'ha lasciato. La notte che dona il suo alone di imprevedibile mistero ad un posto che si è fatto incarnazione della magia. Un bacio, tanti sorrisi, sguardi complici. Romanticismo che si erge in palazzi dal sapore antico e in coppie sognanti che hanno deciso che sarebbe stata Lei la madrina del loro amore.




Sentire la mancanza di una città in cui non hai mai vissuto ma che hai fatto tua in ogni sua strada, in ogni suo odore, in ogni suo particolare.
Giuro che a Parigi ci torno.


37 commenti:

  1. Anche io un giorno ci vorrei ritornare, ero molto piccola quando sono andata per la prima volta, adesso credo che la gusterei molto di piu'!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ci sono già stata 5 volte, ma ti assicuro che ogni volta che ci ritorno me ne innamoro perdutamente!

      Elimina
  2. Ci vorrei andare anch'ioo!! Non l'ho mai visitata e spero di averne la possibilità un giorno!
    Bello questo post! Ti fa venir voglia di prendere il primo aereo!
    +++
    Ti aspetto su “In The Middle Of Nowhere”. Love, Ines

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ines, ti assicuro che quell'aereo lo prenderei al volo! =)

      Elimina
  3. Anch'io vorrei andarci il prima possibile!! :)
    Baci
    MyGlamourCupcake.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sto cercando di ritagliarmi uno spazio in cui sarà possibile andarci =)

      Elimina
  4. Che città favolosa. Spero di poterci andare quanto prima (: Reb, xoxo.

    *Nuovo post sul mio blog,
    fammi sapere cosa ne pensi ;) eccoti il link:
    http://www.toprebel.com/2012/10/1314-ottobre-2012-sermoneta_16.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido con te questa speranza Rebecca, un bacio =)

      Elimina
  5. E' sempre un piacere leggere quello che scrivi.. =)
    Giuro che a Parigi ci torno anche io! <3
    Bisous :*
    ornella

    always-be-yourself90.blogspot.it

    RispondiElimina
  6. Ciao Giulia, ho visto il tuo commento...ma mi segui privatamente? Perchè non ti vedo :(
    bacio
    http://namelessfashionblog.blogspot.it/
    http://www.facebook.com/NamelessFashionBlog

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elisa sì! Scusami ma non avevo notato che ti seguivo privatamente.. ora sono pubblica =)

      Elimina
  7. Adoro Parigi e non vedo l'ora di poterci tornare! Uff, appena riesco a mettere da parte la quota giusta parto a velocità record! ^.^
    Lenù

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah Lenù, ti auguro che questo momento arrivi al più presto.. è una città magica =)

      Elimina
  8. è una città favolosa:) bel post Giulia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so Lilli, unica nel suo genere =) Grazie per la tua gentilezza!

      Elimina
  9. Io non ci sono mai stata..questo post mi ha fatta sognare :)
    Vorrei andarci un giorno..ma con una persona speciale...perchè Parigi io la immagino super romantica <3

    Enter my GIVEAWAY
    Elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elena che tu ci divida da sola, con amici o con l'amore di una vita, quello che ti porterai dietro sarà il ricordo di una città che ti entra nel cuore, in ogni singolo centimetro della tua pelle.. Te lo assicuro =)

      Elimina
  10. foto e post incantevoli! bellissimo anche il titolo

    RispondiElimina
  11. Bellissimo post cara!
    un bacione,Elle

    http://redischic.blogspot.it/

    RispondiElimina
  12. wow bellissimo post!
    che dire ... a parigi devo proprio andarci ;)

    http://myfashionmotif.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì cara, penso proprio che Parigi sia una di quelle tappe che nella vita vanno fatte =)

      Elimina
  13. Amazing post!!
    If you want, we can follow each other!! let me know!

    http://estilohedonico.blogspot.pt/

    xoxo

    RispondiElimina
  14. Sono perfettamente d'accordo con te.
    Ci sono stata due volte e ho ancora tanti altri posti da vedere nel mondo, ma un viaggio a Parigi lo farei per lo meno una volta ogni 6 mesi...E' ispirante, è un sogno! :)

    Ti seguo volentieri, mi piace molto il tuo blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ci sono già stata 5 volte, ma ti posso assicurar che continuo a preferirla a molte altre città che non ho ancora avuto l'occasione di vedere.. è il mio porto sicuro =)

      Elimina
  15. Foto meravigliose!!! Io adoro Parigi !!!! Nuova follower, se ti va passa da me, mi farebbe piacere =) ciaoo =)
    Robybeauty.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberta! Grazie! passo subito da te =)

      Elimina
  16. ho visto un paio di felpe che, boom dritte al cuore!!!

    Kami

    http://kamila-peppermind.blogspot.co.uk/

    RispondiElimina